Curiosità / extra per
Zak McKracken and the Alien Mindbenders

In questa pagina ci sono spoiler



Link a vecchie recensioni cartacee italiane

(provenienza: Progetto Zzap Italia)

Prima recensione di Zzap
Seconda recensione di Zzap
Storico pesce d'aprile su Zak 2, ancora di Zzap


Traduzione italiana del National Inquisitor
(a cura di Gharlic)

Curiosità

Le informazioni qui presenti provengono da
una conferenza di David Fox, dalla pagina di Mobygames e da un fansite

  • Il gioco fu realizzato in soli nove mesi, dall'ideazione al prodotto finito, per un budget di 100.000 dollari.
  • La versione preferita di Fox è quella per Commodore 64, perché il gioco nacque lì, anche se la lavorazione non fu superfluida: si programmava su workstation Sun e si trasferiva il codice via seriale a un floppy per testarlo sul C64. Gli stessi tool erano scritti per le workstation Sun sotto Unix.
  • L'implementazione del New Age nel gioco fu così efficace che appena dopo l'uscita la Lucasfilm Games ricevette la seguente lettera:
    Caro signore, ho intenzione di restituire questo gioco, perché lo trovo sconveniente. Le eccellenti giocabilità e grafica non fanno che acuire il problema fondamentale: il gioco è saturo di insegnamenti New Age e satanici. Ecco quelli in cui io e altri ci siamo imbattuti:
    -Religioni orientali e meditazione
    -Stregoneria e magia africane
    -Un medium, un guru spirituale e un devoto
    -Una persona che si converte a una religione orientale
    -Una razza superiore di guardiani, gli Antichi
    -Un'unica religione per tutte le epoche e per tutto il mondo
    -Comunicazione con gli alieni attraverso i sogni
    -Esperienze extracorporee, legami telepatici con gli animali
    -Alterazione dello stato di coscienza
    -Controllo della materia con la mente, lettura della mente
    -Telepatia mentale
    -Menti controllate dagli alieni
    Non solo ritengo questi falsi insegnamenti questionabili, ma considero che immergerli nello humor e presentarli come un gioco sia molto pericoloso. Niente di tutto questo era presente nelle pubblicità riguardanti il titolo. Vi imploro per lo meno di render chiaro agli ignari acquirenti che questo è un gioco New Age che affronta argomenti religiosi.
    In qualità di consulente informatico e catechista part-time, mi sento obbligato verso gli altri. Attenderò una vostra risposta prima di decidere come essere all'altezza delle mie responsabilità e avvertire tutti.

    Increduli e divertiti, ma anche cauti dopo che Maniac Mansion era stato ritirato da una catena di negozi solo per aver presentato la parola "lussuria" sulla scatola, il team della Lucasfilm Games decise di "soddisfare" la richiesta pubblicando la sua stessa lettera sulla propria newsletter!
  • Il coautore e musicista Matthew Kane arrivò a impostazione generale già avvenuta, ma coprì quasi il 50% dello script e dei testi.
  • Fox dice: Matthew Kane scrisse un programma che gli permetteva di collegare una tastiera MIDI al Commodore 64, usandolo come sintetizzatore. Creò delle "custom patch" per diversi strumenti e suoni, in modo tale da ascoltare il risultato del pezzo mentre lo creava. Fu divertente usare la musica per l'incubo iniziale di Zak. Lavorammo tanto per sincronizzarli: Matt cambiava la musica e io cambiavo la coreografia per farli funzionare al meglio insieme.
  • Sulla difficoltà degli enigmi, Matthew Kane ha detto: Per via dei budget modesti, non ci si aspettava che un gioco potesse rendere molto di per sè sul piano economico. Per questo ci chiedevano di rendere il gioco più difficile. In primo luogo per farlo durare di più (un gameplay di 100 ore veniva considerato più vendibile di uno di 20), in secondo luogo la LucasArts voleva fare soldi vendendo gli hint-book! A quell'epoca, prima di internet, gli hint-book facevano girare parecchi soldi. I giochi erano costosi da pubblicare, i libri no. Un hint-book ad alto profitto era essenziale per il bilancio, quindi i boss volevano che il gioco fosse difficile!
  • Gli enigmi preferiti di David sono quelli legati all'uso del pane vecchio: il modo in cui si ottiene e il successivo sfruttamento delle sue briciole...
  • L'idea che sulla superficie di Marte ci fosse una scultura rappresentante un viso umano veniva da alcune foto scattate dalla sonda Viking 1 nel 1976.
  • Lo Zak sulla copertina è un semiautoritratto del giovane Steve Purcell.
  • I due autori con occhiali, nasone e baffi sul retro della confezione sono Kane (a sinistra) e Fox (a destra).
  • Il gioco riscosse uno straordinario successo particolarmente in Germania, per ragioni ancora da chiarire. Il terminato, osannato fangame Zak McKracken Between Time and Space è nato infatti lì.
  • Gli enigmi preferiti di Fox sono quelli che si svolgono sull'aereo: gli furono ispirati dalle cattive esperienze avute con alcune hostess maleducate.
  • Per quanto possa sembrare assurdo, per la plausibilità della tuta spaziale improvvisata di Zak, Fox chiese consiglio a un ingegnere della NASA.
  • E' possibile possedere con il cristallo blu anche lo yak (L'unico verbo disponibile in questo caso è "mastica". Se si mastica diverse volte, si ha a disposizione anche il verbo "poop", "fai la cacca").
  • L'indirizzo di Zak è lo stesso della Lucasfilm Games di allora.
  • Su Marte Melissa e Leslie rinvengono una latta di benzina per motoseghe, che "serve per un altro gioco". E' una presa in giro di tutti i giocatori che non erano riusciti a trovare un uso per l'inutile motosega di Maniac Mansion.
  • Ogni volta che si toglie il casco, Leslie ha un colore dei capelli differente.
  • Nel gioco appaiono poster di Rescue on Fractalus e Maniac Mansion, rispettivamente nella sala segreta degli alieni e nel banco dei pegni. Nella versione FM-Towns, il poster di Rescue è sostituito da uno di Indiana Jones and the Last Crusade.
  • Nella versione FM-Towns, l'ordine dell'intro è modificato: la sequenza dell'ufficio arriva dopo il sogno.
  • Il numero che si legge sul telefono nella compagnia telefonica può essere digitato in casa di Zak. All'altro capo del filo risponderà l'esperto di marketing di Maniac Mansion!
  • Melissa e Leslie ascoltano i Razor and the Scummettes, la band della Razor vista in Maniac Mansion.